Dr. Andrea Giovanni Martinelli – Urologo a Terni

Incontinenza urinaria

Cenni di anatomia e fisiologia

La vescica è un serbatoio che raccoglie le urine ed è collegata all’uretra, che  porta le  urine verso l’esterno. Man mano che la vescica si riempie, il detrusore, che è  il muscolo della vescica, si rilassa mentre l’uretra si contrae. Ciò ci consente di trattenere le urine e di non perdere. Man mano che la vescica si riempie, si raggiungerà il primo stimolo, cioè il momento in cui avvertiamo il bisogno di urinare. A tale livello è anche possibile ritardare la minzione. Quando si raggiunge il massimo riempimento, la vescica si svuoterà con una contrazione del detrusore mentre l’uretra rilassandosi permetterà il passaggio delle urine. Tutte queste fasi sono molto complesse e controllate dal nostro sistema nervoso centrale e periferico.
La perdita di urina è più comune nelle donne che hanno avuto uno o più figli partoriti per via vaginale e nelle donne in menopausa, periodo molto critico, in cui le alterazioni ormonali possono modificare anche l’apparato urinario. Sono anche più a rischio le pazienti obese e che fanno lavori pesanti dal punto di vista fisico. Anche alcuni interventi chirurgici possono predisporre a questo problema, ad esempio interventi sull’utero o sull’intestino, così come la radioterapia. Nell’uomo l’incontinenza è una patologia meno frequente e spesso è conseguente a interventi chirurgici sull’apparato urinario e in particolare sulla prostata.


Incontinenza urinaria

Definizione Anatomia Diagnosi Accorgimenti Farmaci Riabilitazione Chirurgia Iniezione di botox Benderelle Neuromodulazione